homepage organi commissioni albo contatti normativa documenti ufficiali formazione eventi modulistica link utili
PRIMO PIANO
ELEZIONI Consiglio Ordine
CHIUSURA SEGRETERIA
CONVOCAZIONE ASSEMBLEA
CONVEGNO
VIDEOCONFERENZA MAP
CONVEGNO
VIDEOCONFERENZA MAP
CONVEGNO ASTALEGALE
PRIMA PAGINA
MEDIAZIONE CIVILE
CORSO ENTI LOCALI
FORMAZIONE SAF
CORSO REVISORI LEGALI
TARIFFA PROFESSIONALE
COMMENTARIO
Comunicazioni
Tutela della professione
PRIVACY POLICY
Privacy policy
AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE
rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali link utili
Ulteriori chiarimenti - Erogazioni liberali in denaro effettuate a favore della Protezione Civile
Venerdì, 29 Maggio , 2020
Con la risoluzione n. 25/E del 14 maggio 2020 l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito alla documentazione probatoria delle donazioni in denaro effettuate a favore della Protezione civile, al fine di beneficiare delle agevolazioni ex art. 66 del decreto legge ‘Cura Italia’ convertito nella legge n. 27/2020. Il Dipartimento della Protezione civile, nello specifico, chiede di confermare che anche la copia del bonifico effettuato nel conto di Tesoreria n. 22330 è sufficiente per consentire al donatore di beneficiare della detrazione ex art. 66. Scopo di questo articolo è promuovere le erogazioni liberali a favore della Protezione civile per fronteggiare l’evolversi della pandemia da Coronavirus. Il comma 1 dell’art. 66 riconosce per le erogazioni liberali in denaro e in natura, effettuate nel 2020 dalle persone fisiche e dagli enti non commerciali, una detrazione dall’imposta lorda ai fini dell’imposta sul reddito pari al 30%, per un importo non superiore a 30mila euro. Il secondo comma è dedicato, invece, alle erogazioni liberali in denaro o in natura, sempre legate all’emergenza da Covid-19, effettuate nel 2020, da soggetti titolari di reddito d’impresa. In merito alla documentazione attestante il sostenimento dell’onere, analogamente a quanto previsto per la generalità delle erogazioni liberali in denaro, anche ai fini delle agevolazioni fiscali di cui all’art. 66, è necessario che dalla ricevuta di versamento bancario o postale ovvero, in caso di pagamento con carta di credito, di debito o prepagata, dall’estratto conto della società che gestisce tali carte, sia possibile individuare il soggetto beneficiario dell’erogazione liberale, il carattere di liberalità del pagamento e che lo stesso sia finalizzato a finanziare gli interventi in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Ai fini della detrazione di cui all’art. 66, l’Agenzia ritiene sufficiente che dalle ricevute del versamento bancario o postale o dall’estratto conto della società che gestisce la carta di credito, di debito o la prepagata risulti che il versamento sia stato effettuato su uno dei conti correnti dedicati all’emergenza da Coronavirus. Possono dunque fruire della detrazione fiscale le erogazioni effettuate alla Protezione civile sul conto di Tesoreria n. 22330.
(Vedi risoluzione n. 25 del 2020)

| copyright Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Gorizia ORARI SEGRETERIA: Lunedì/Martedì/Giovedì dalle 09.30 alle 12.00 Mercoledì/Venerdì chiuso | codice fiscale: 91001040319 | site by metaping | admin |