homepage organi commissioni albo contatti normativa documenti ufficiali formazione eventi modulistica link utili
PRIMO PIANO
ELEZIONI Consiglio Ordine
CHIUSURA SEGRETERIA
CONVOCAZIONE ASSEMBLEA
CONVEGNO
VIDEOCONFERENZA MAP
CONVEGNO
VIDEOCONFERENZA MAP
CONVEGNO ASTALEGALE
PRIMA PAGINA
MEDIAZIONE CIVILE
CORSO ENTI LOCALI
FORMAZIONE SAF
CORSO REVISORI LEGALI
TARIFFA PROFESSIONALE
COMMENTARIO
Comunicazioni
Tutela della professione
PRIVACY POLICY
Privacy policy
AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE
rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali link utili
Conti sulla mini-Ires complicati tra investimenti e quote residue
Luca Gaiani - Il Sole 24 Ore - pag. 19
Costituisce un rebus il risparmio del 9% sull’aliquota Ires. A rendere complicati i calcoli sono gli ammortamenti e le dismissioni delle immobilizzazioni possedute al 31 dicembre 2018. A fronte di un determinato ammontare di investimenti, il beneficio è dato dal minor importo tra la quota stanziata sui beni nuovi e l’incremento del residuo da ammortizzare rispetto al saldo di fine 2018, a sua volta influenzato, oltre che dagli investimenti, da variabili come ammortamento e cessione dei beni preesistenti. Per ogni anno va confrontato l’ammortamento previsto sui beni acquistati dal 2019 con l’incremento del costo non ammortizzato che si stima esisterà a fine esercizio rispetto al 2018. Questa variabile costituisce la vera criticità dell’agevolazione perché, oltre che difficilmente preventivabile, è tale da generare, dopo alcuni anni dall’investimento, un tetto all’importo agevolabile. Chiaramente, l’impatto sarà tanto più rapido ed elevato, quanto maggiore è lo stock di immobilizzazioni in essere a fine 2018.
| copyright Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Gorizia ORARI SEGRETERIA: Lunedì/Martedì/Giovedì dalle 09.30 alle 12.00 Mercoledì/Venerdì chiuso | codice fiscale: 91001040319 | site by metaping | admin |