homepage organi commissioni albo contatti normativa documenti ufficiali formazione eventi modulistica link utili
PRIMO PIANO
ELEZIONI Consiglio Ordine
CHIUSURA SEGRETERIA
CONVOCAZIONE ASSEMBLEA
CONVEGNO
VIDEOCONFERENZA MAP
CONVEGNO
VIDEOCONFERENZA MAP
CONVEGNO ASTALEGALE
PRIMA PAGINA
MEDIAZIONE CIVILE
CORSO ENTI LOCALI
FORMAZIONE SAF
CORSO REVISORI LEGALI
TARIFFA PROFESSIONALE
COMMENTARIO
Comunicazioni
Tutela della professione
PRIVACY POLICY
Privacy policy
AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE
rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali link utili
Dichiarazione infedele, soglie più basse per il reato
Antonio Iorio - Il Sole 24 Ore - pag. 23
Cambia il delitto di dichiarazione infedele dei redditi e dell’Iva. Cresce la rilevanza penale del reato che potrà scattare più facilmente e vengono innalzate le pene edittali. Le nuove sanzioni consentiranno anche l’applicazione degli arresti domiciliari, del divieto di espatrio e delle altre misure coercitive previste dal codice, finora escluse. Questo delitto è caratterizzato dalla sottrazione a tassazione di elementi attivi oltre una certa soglia e/o della deduzione di costi inesistenti non supportati da fatture o altri documenti. Risponde di questo reato chiunque al fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto, indica in una delle dichiarazioni annuali relative alle imposte elementi attivi per un ammontare inferiore a quello effettivo quando l’imposta evasa è superiore a 100mila euro (prima era 150mila); l’ammontare complessivo degli elementi attivi sottratti all’imposizione, anche mediante indicazione di elementi passivi inesistenti è superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione, o, comunque è superiore a 2 milioni (prima era 3 milioni).
| copyright Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Gorizia ORARI SEGRETERIA: Lunedì/Martedì/Giovedì dalle 09.30 alle 12.00 Mercoledì/Venerdì chiuso | codice fiscale: 91001040319 | site by metaping | admin |